Pasta di Zucchero – senza glucosio, glicerina & co.

Erano mesi e mesi che la desideravo: la pasta di zucchero ha popolato i miei sogni d’amore da quando la mia passione per gli Stati Uniti si è concretizzata con la permanenza a New York. Ho iniziato a prendere nota di ricette e suggerimenti, ho comprato utensili e coloranti, ho raccolto le idee… non vedevo l’ora di provare. Il magico momento è giunto: ho preparato per la prima volta l’adorata pasta di zucchero, con una ricetta a prova di imbranata!

Eccomi quindi qui a condividere con voi la gioia per l’esperimento riuscito… ed anche la ricetta, per chi voglia provare!

Premetto che non è mia, l’ho presa dal fornitissimo forum Cookaround cambiando leggermente le dosi. L’ho scelta (ed adorata) perchè non contiene nessun ingrediente difficilmente reperibile (come glucosio o glicerina) nè allergizzante (tipo l’albume). E’ semplice ed efficace, approvata alla grande!

Solo un’accortezza: prima di iniziare, munitevi di zucchero a velo in abbondanza (probabilmente ne utilizzerete più di quello indicato nelle dosi… io sono rimasta sconvolta da quanto me n’è servito per arrivare al risultato giusto!).

Ingredienti:
30 ml di acqua
50 g di miele
5 g di colla di pesce (2 fogli e mezzo di quella PaneAngeli)
500 g (ma forse anche di più) di zucchero a velo

Procedimento:
Mettete i fogli di colla di pesce in ammollo in acqua fredda finché non si saranno ammorbiditi. Intanto, scaldate in un pentolino l’acqua e il miele, poi aggiungete la gelatina scolata e fate sciogliere il tutto (il composto deve diventare completamente liquido, ma non deve bollire). Mettete in una ciotola (o in un robot da cucina) lo zucchero a velo (preferibilmente setacciato), e versategli sopra il liquido. Lavorate gli ingredienti (a mano, con delle fruste elettriche o col robot) finché non otterrete una palla.

Se vi trovate di fronte ad una cosa che sembra un blob appiccicoso più che un impasto, non scoraggiatevi: semplicemente, aggiungete zucchero a velo finché la consistenza non sarà quella desiderata (ovvero finchè sarà lavorabile senza che vi si appiccichi alle mani – attenzione perchè se avete le mani molto calde è normale che vi si incolli un pò).

Una volta che l’avrete fatta, potete conservarla fuori frigo avvolgendola nella pellicola trasparente e chiudendola in un contenitore ermetico, oppure in frigo semplicemente nella pellicola trasparente. Diventerà dura, ma per utilizzarla dopo qualche tempo basterà riscaldarla una decina di secondi al microonde!

Ovviamente la pasta di zucchero si può anche colorare con i comuni coloranti alimentari: io ho usato quelli in gel, ma ne esistono di vari tipi. Basta fare una piccola conca nella pasta ed inserire un pò di colorante, poi impastare finchè il colore non sarà bello amalgamato ed uniforme.

ATTENZIONE: usate guanti monouso di lattice per questa operazione, altrimenti vi si tingeranno completamente le mani! :D

Per utilizzarla dovete semplicemente dare libero sfogo alla vostra fantasia… qualche suggerimento ve lo darò anche io mano a mano che realizzerò i miei esperimenti (ad esempio, l’ho usata nelle cupcakes natalizie e in quelle senza uova nè burro), ma di base – per chi proprio non sapesse di che diavoleria si sta parlando – considerate che è un pò come la plastilina… però di zucchero! Quindi, in sostanza, potete trattarla e modellarla come volete…

Have fun, e fatemi sapere che ve ne pare! :)

10 thoughts on “Pasta di Zucchero – senza glucosio, glicerina & co.

  1. Pingback: Cupcakes natalizie « Fool For Food

  2. Pingback: Cupcakes senza uova né burro « Fool For Food

  3. Pingback: Cupcakes vegane “Something is changing” « Fool For Food

  4. fantstico!da tempo cercvo la icetta della past di zucchero senza tutti quegli ingredienti introvabili!comunque se vuoi vieni a visitare il mio blog,si chiama “BLOG D PIESARTE”

  5. scusate sono lo stesso che ha scritto il commento sopra,scusate gli errori grammaticali ma è che a volte la tastiera mi funziona male,comunque il blog si chiama “BLOG DI PIESARTE”

  6. Pingback: Il blog compie 1 anno! « Fool For Food

  7. Gingerbread in its many forms brings a touch of history to the holidays.

    Although they are a beautiful and calming sight, making sugarcraft flower-topped cupcakes from
    scratch conjures up anything but calm. When looking for centerpiece ideas,
    do not be afraid to venture into centerpiece ideas for all sorts of
    occasions.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...